IMPROVVISAZIONI SUL NON ESSERE E IL NON DIRE
di Elena Bucci
con la presenza e l'aiuto di Francesco Delle Cave, nel ruolo vero dell' Angelo bambino


lo so lo so, non bisogna voltarsi indietro, altrimenti si diventa statua di sale
e i maestri vanno salutati. Eppure: il disegno dei ricordi, che cambia ogni giorno, è un indice del futuro? la mappa alla quale si torna ogni volta per ripartire? E' verso il silenzio, come scrive Leo, che si deve andare?
Di quale forza è strumento un attore? quanto trasparente? il teatro, qui ed ora, è dentro o fuori dai teatri? e il mondo fuori, cosa cerca nel teatro? e il teatro nel mondo?
domande domande, parole da risolvere in azione.


non si può bluffare se c'è una civiltà teatrale,
ed il teatro è una grande forza civile,
il teatro toglie la vigliaccheria del vivere,
toglie la paura del diverso, dell'altro, dell'ignoto,
della vita, della morte

Leo De Berardinis


Ecco la sfida che volevo per questo saluto a Leo: trasformare un luogo scarno e deserto in un teatro, intrecciare le azioni individuali in modo che la tessitura diventi più importante dei singoli disegni.
E' la celebrazione non enfatica di un rito, un esperimento al quale mi sono preparata da anni senza saperlo e che ora voglio affidare in parte al caso.
Il mio intervento dovrà essere un'improvvisazione, perchè questa fu la questione che fece discutere e riappacificare Leo e me, l'ultimo passo che affrontai con lui e che da allora mi accompagna come pratica, aiutandomi a scrivere direttamente in scena con più forza e sintesi e permettendomi di sporcare le parole, fino a spingerle al canto, con i colori delle persone e dei luoghi dove lavoro, con le impressioni registrate fino all'attimo prima del salto nel vuoto davanti al pubblico.
Leo merita tutto il mio rischio.
Ho raccolto musiche degli spettacoli con lui, suoni, copioni, pensieri.
Ho aspettato che tutti scegliessero il loro spazio per occupare l'ultimo rimasto, perfetto: la grande porta verso fuori, la finestra, i tralicci ai quali sospedere la mia lampada, la farina, il sale, un vestito rosso identico a quello che indosso. E siamo due, una qui e una là, nel passato o chissà dove. Appena fa buio metto un sagomatore a terra in diagonale e scopro che quella è la mia luce: lame strette, una lampada appesa in movimento e io che salto da un mondo all'altro, da uno stato all'altro, scegliendo se far vedere solo una mano, o il viso, scomparendo, come accade appunto ricordando o sognando. Matteo ed Alessia mi aiuteranno.
Sono le cinque del mattino quando quel fondo di capannone diventa il mio teatro.

Ho ascoltato il Giardino Sonoro di Alessandro e subito gli ho chiesto di aiutarmi a creare una tessitura con i suoni che avevo scelto: voci di bambine, musiche, un mio urlo registrato pensando alla ribellione contro la morte data dall'oblìo.
Sette minuti, per non rischiare di prendere troppo tempo.
Lavorando insieme è accaduto di più. L'Internazionale, che cominciava la sua seconda sezione all'aperto, è diventata il mio finale e il sale della memoria, che, finiti i miei sette minuti spargevo aprendo la porta, è anche il sale del salario, il sale della terra.
Ascolto e guardo quello che fanno gli altri prima di scegliere l'energia della mia azione e trovare la nota.
Accanto a me c'è un bambino che mi ha affiancato dal primo momento e non ha smesso un attimo di lavorare. E' curioso. Se continua così, gli chiederò di accompagnarmi in scena, purchè non si spaventi. Quando gli faccio vedere la mia improvvisazione ride e si rivela più meticoloso e preciso di me. Non dimentica mai di rimettere la farina nel cartoccio e di controllare se la sua camicia bianca è pulita, è lui che da il via alla musica con il mio computer. Ha detto ai genitori che recita nello spettacolo, ma loro non gli hanno creduto fino alla prova generale. Si chiama Francesco, ma io lo chiamo Angelo.
Volevo occuparmi del ricordo e della paura, affrontare il mito che, sotto vesti diverse, ci raccomanda di non guardare indietro per non diventare statue di sale, volevo rileggere il passato, guardare negli occhi Leo attraverso il tempo e la morte, varcare la soglia e aprire la porta verso fuori, perchè quanto da lui ho imparato mi sembra di un'attualità toccante, mi aiuta ogni giorno a comprendere quello che faccio e vorrei che fosse tramandato ad altri. Volevo dirgli che no, non lo abbiamo fatto il Teatro Nazionale di Ricerca.
Volevo anche, come ad una veglia, ritrovarmi a ridere ripensando alle cose che diceva e faceva Leo.
Ma mentre ero tutta immersa nel dialogo con i morti, il bambino Francesco detto Angelo è diventato il futuro stesso che si mescola al passato e il luogo dove agivo, rubando le parole a Cristina Campo: 'la meta, la grotta nella quale infanzia e morte si raccontano il loro segreto'.

Quando comincia non è ancora buio: i bambini spiano dalla finestra il pubblico che arriva lungo il viale. State giù! Tutti noi in attesa siamo sagome scure e silenziose.
Mi dispiace che il pubblico non veda lo spettacolo nascosto dei piccoli gesti di molte persone che si intonano l'un l'altro.

Marco Manchisi e Miranda stanno finendo. Prendo per mano Angelo e vado verso il pubblico con una lanterna. Credo sia il momento di cantare e il senso del canto non mi abbandona più, anche quando mi trovo ad articolare le parole. Il testo di Amleto si intreccia con il mio dialogo con Leo e con il teatro stesso. I suoni mi sorprendono ogni volta ed ecco, il tempo è finito. Apro la porta ed esco. Ho sempre l'immagine di una moltitudine sconosciuta in pacifica marcia verso il futuro. Internazionale, voci registrate, voci di Leo, musiche che ben conosco, attendo immobile. Nel momento più emozionante mi pare che si alzi il vento. Nel centro di un grande albero si affaccia la luna. Vuoi vedere che ce la manda quel mago di Viani?
Mi avvio, come correndo ad una festa, ad incontrare gli altri in maschera nel giardino finale. Finalmente saluto il mio maestro, senza alcuna tristezza.


Associazione Culturale LE BELLE BANDIERE
Via Faentina nord, 4/1 48026 Russi (RA) Tel. 393.9535376
All rights reserved mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.