una produzione
Le Belle Bandiere

con il sostegno di Regione Emilia-Romagna, Provincia di Ravenna, Comune di Russi
e con la collaborazione di Pro Loco Russi

LA MORTE E LA FANCIULLA
di Ariel Dorfman
traduzione di Alessandra Serra

progetto di Elena Bucci e Marco Sgrosso

con Elena Bucci, Marco Sgrosso, Maurizio Cardillo, Gaetano Colella

luci Loredana Oddone
drammaturgia del suono e registrazioni Raffaele Bassetti
macchinismo e direzione di scena Giovanni Macis
cura e assistenza all'allestimento Nicoletta Fabbri
costumi Nomadea - sartoria Marta Benini
foto Patrizia Piccino, Vito Pavia, Gianni Zampaglione

 

Comunicazione

Ci è stato recentemente comunicato dalla Siae il "divieto assoluto" di rappresentare la nostra recente produzione "La morte e la fanciulla" di Ariel Dorfman, testo per il quale avevamo ottenuto il permesso di rappresentazione in occasione del debutto in anteprima il 15 aprile 2015 al Teatro Comunale di Russi (Ra).
Nonostante l'entusiastica accoglienza del pubblico, l'interesse di molti interlocutori e la disponibilità di un'importante struttura a partecipare alla produzione, il nostro lavoro dovrà essere abbandonato perché una compagnia di cui non conosciamo il nome ha chiesto i diritti del testo in esclusiva. Crediamo che le opere edite dovrebbero essere a disposizione degli artisti che sanno apprezzarle e che desiderano farle vivere e che la pratica del diritto di esclusiva sia lesiva della libertà artistica e di pensiero.
In questo caso poi, la situazione è paradossale: il testo in questione tratta di sopraffazioni avvenute in un regime di dittatura e l'autore ha dedicato molto del suo tempo e del suo impegno per analizzare e denunciare i meccanismi del potere, sia dal punto di vista di chi lo esercita che da quello di chi lo subisce.

 

IMG 3026

 

Lo spettacolo

'L'azione si svolge ai giorni nostri, probabilmente in Cile, ma potrebbe trattarsi di un qualsiasi altro Paese che ha appena ottenuto la democrazia dopo un lungo periodo di dittatura.' Così scrive Dorfman e subito sentiamo quanto queste parole possano riferirsi a molti paesi e a molte città. Il nostro sguardo, da una piccolo punto geografico, si allarga al mondo intero e alla sua storia.

Siamo in una casa sospesa tra mare e cielo, isolata. In una notte di pioggia Paulina Salas aspetta che il marito, Gerardo Escobar, ritorni dopo avere avuto un importante incontro politico che gli varrà un incarico di prestigio e di grande responsabilità nel nuovo governo democratico: è stato invitato a presiedere la commissione di indagine sui crimini della dittatura.
Gerardo porta con sé un uomo brillante e intelligente, Roberto Miranda, che lo ha soccorso per un guasto alla macchina. Nel clima disteso generato dal nuovo respiro di speranza che permea tutto il paese, è naturale invitarlo in casa prima che riprenda il suo viaggio, nonostante l'ora e il luogo isolato.
Un suono, una vibrazione della voce, trasformano un incontro casuale in un viaggio nel tempo che rivela identità impreviste e riflessi segreti nelle relazioni tra loro, aprendo squarci inattesi sulle ragioni che trasformano, di volta in volta, in vittime o carnefici, traditi o traditori.
Le domande intorno a giustizia, verità e vendetta risuonano come echi di antiche tragedie.

Studiamo le dittature del secolo scorso, le tragiche ripetizioni della storia, il fascino del potere e della prepotenza, la memoria e l'oblio, utilizzando la forza che ha il teatro quando incrina la superficie della realtà per fare emergere incubi, sogni e speranze, quando apre un varco tra passato e presente, tra vivi e morti e attraverso la molteplicità dei suoi codici scardina le abitudini percettive per offrire nuovi punti di vista. Passiamo dalla sceneggiatura cinematografica al testo teatrale, immettendo altre modalità di racconto e rompendo a tratti il ritmo serrato con azioni che modificano la relazione tra noi e con il pubblico.
La casa sul mare diventa uno stadio affollato di prigionieri, un set cinematografico, un tribunale, un'antica città costruita sulla necropoli. Le voci si moltiplicano in un'architettura sonora di echi, registrazioni, melodie accennate che corrodono la compattezza dei 'personaggi' rendendoli permeabili gli uni agli altri.
Si rompe il silenzio che deriva dai traumi e dalla incapacità di guardare l'orrore. Da una sola storia se ne levano molte altre che rivelano a loro volta memorie e testimonianze che allargano lo sguardo nel tempo e nello spazio.
Accanto agli affascinanti personaggi costruiti da Dorfman, scrittore poliedrico impegnato nella difesa dei diritti umani e civili del quale usiamo anche altri illuminanti scritti, immaginiamo una quarta figura, forse uno scrittore, un regista, un testimone che innesca e contrappunta l'evolversi precipitoso dei fatti.
Racconta frammenti di leggende forse accadute, puntualizza cronache dalla storia che paiono inventate, trasforma le didascalie teatrali e cinematografiche in battute, pensieri, indicazioni contraddittorie. Riprende e registra con cura meticolosa: servirà a comprendere, a non ripetere, a dimenticare, a condannare, a perdonare? 

Elena Bucci e Marco Sgrosso

 

foto bb 1

Ariel Dorfman è nato in Argentina nel 1942. Trasferitosi in Cile, scampò all'arresto durante il regime di Pinochet e riuscì a fuggire rocambolescamente dal paese, come viene raccontato nel documentario A Promise to the Dead: the Exile Journey of Ariel Dorfman, premiato nel 2008 al Toronto Film Festival. Attualmente vive in Cile e negli Stati Uniti, dove insegna alla Duke University. La morte e la fanciulla è stata rappresentata in tutto il mondo dagli attori e dai registi più famosi. Roman Polanski, nel 1994, ne ha tratto l'omonimo film con Sigourney Weaver, Ben Kingsley e Stuart Wilson.

 

Associazione Culturale LE BELLE BANDIERE
Via Faentina nord, 4/1 48026 Russi (RA) Tel. 393.9535376
All rights reserved mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.