LE BELLE BANDIERE PER IL TEATRO COMUNALE DI RUSSI

 

L'attività de Le Belle Bandiere ha promosso la diffusione della cultura teatrale tramite l'organizzazione e la progettazione di eventi culturali (mostre, rassegne, convegni, azioni teatrali), mirati a sensibilizzare l'opinione pubblica sulla importanza del teatro nel tessuto sociale.

La riapertura del Teatro Comunale di Russi - 7 aprile 2001 - è stata promossa e fortemente sostenuta negli anni precedenti da molte iniziative dettate dalla volontà di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla necessità di una vera casa delle arti, intesa come luogo di incontro del pensiero, della cultura e del sentimento. Sono infatti nati i quattro "percorsi per immagini ed azioni teatrali" all'interno dell'allora fatiscente Teatro Comunale, realizzati in occasione della tradizionale Fira di Sett Dulur (edizioni dal 1994 al 1997), "false" aperture alla cittadinanza dell'edificio, abitato da luci, immagini ed azioni sceniche pensate e realizzate dai componenti del Laboratorio Permanente allo scopo di promuoverne la ristrutturazione.

I quattro interventi hanno raccolto le adesioni entusiastiche di gran parte della cittadinanza e di visitatori anche "esterni" e grazie al sostegno convinto della Regione Emilia-Romagna e del Ministero dello Spettacolo, l'Amministrazione Comunale ha potuto finalmente dare inizio ai lavori di recupero del Teatro, dopo una chiusura più che ventennale.

 

L'Erba Anadrêna: muschio spontaneo dei tetti e degli argini

La città in Teatro: seconda falsa apertura del teatro Comunale di Russi

Mattoni - requiem per la nascita di un teatro

I sensi del teatro

I cittadini per il teatro comunale di Russi. Ricordi e ... futuro?

Fuori

... se il sogno diventa vero ... proposta per una gestione del Teatro Comunale di Russi tornato in vita

 

 

 

 

Associazione Culturale LE BELLE BANDIERE
Via Faentina nord, 4/1 48026 Russi (RA) Tel. 393.9535376
All rights reserved mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.